Là, dove abita la gioia

Sulla sua veranda di Gries, a Bolzano, Katharina von Bruchhausen ha dato vita a un piccolo gioiello dall’atmosfera estiva, celato dietro una profumata siepe di gelsomino bianco e rosa, rosmarino fiorito blu scuro e varie piante rampicanti, fiori ed erbe aromatiche.

durata della lettura: 3 minuti, condividi questa storia
dsc_9788_1.jpg
dsc_9404.jpg

Quando, 10 anni fa, Katharina von Bruchhausen ha lasciato il suo appartamento di Milano per trasferirsi a Bolzano, aveva in valigia quattro piante di gelsomino e le sue antichità preferite, sopravvissute già a tre traslochi e ora talmente rigogliose da far pensare che potrebbero affrontarne anche un altro. Ma Katharina ha trovato la sua collocazione. “Dopo una vita trascorsa in varie metropoli, con il tempo sono diventata una donna di campagna”, racconta. Il suo angolo preferito è la veranda in legno al secondo piano di un condominio a Gries, Bolzano. “È stato un colpo di fulmine, tanto che ho arredato prima l’esterno e poi l’appartamento”, spiega questa mamma di due figli.

dsc_9427.jpg

Katharina ama il caos

“Adoro quando le piante crescono in modo caotico”. Così, nel corso del tempo, è sorta una giungla filigranata dal fascino unico. “Non sono un tipo da primule, non mi suscitano alcuna emozione”, afferma Katharina, che predilige le piante dinamiche come la sua clematide bianca, la gracile gaura o le erbe decorative che danzano giocose nel vento.

E inoltre ama i dettagli: il nano da giardino sbiadito, le perle di vetro che scintillano al sole o le sottili luminarie, che la sera avvolgono la sua oasi in una magica aura.

Durante il giorno, invece, l’incantesimo è creato dai numerosi portafortuna provenienti da ogni angolo del mondo: Katharina apprezza gli oggetti che raccontano una storia. È per questo che rovista nei mercati delle pulci, sempre alla ricerca di qualcosa di originale…

“Non sono un tipo da primule, non mi suscitano alcuna emozione. Amo le piante dinamiche.”

dsc_9656.jpg

La mia veranda è il mio rifugio

È come una stanza in più dove la famiglia trascorre molto tempo. I pasti vengono consumati sulla vecchia tavola da stiro, su cui sono visibili due vecchie bruciature causate dal ferro. Sopra il tavolo, Katharina ha appeso le campanelle delle capre acquistate a Naxos e una lampada a vento in vetro. “Mi ricordano che esiste il mondo”, sogghigna. 

dsc_9546.jpg

L’abbeveratoio si trasforma in aiuola sospesa

Lo spazio limitato stimola la fantasia. Zeno, il figlio dodicenne di Katharina, condivide con la madre la passione per le piante: con grande dedizione e gioia si prende cura di insalate, carote, radicchio… ed è soddisfattissimo quando maturano le fragole. “È consapevole di essersi assunto una responsabilità che richiede tempo, ma che ricompensa abbondantemente”, afferma Katharina, mentre recide una foglia appassita.

“Amo i portafortuna di tutto il mondo che diffondono la loro magia e gli oggetti che raccontano storie.”

dsc_9666.jpg

Il consiglio del floricoltore

Balconi e terrazze

Su balconi e terrazze spopola il giardinaggio! Molti giovani, che hanno scoperto questa passione, danno vita a oasi meravigliose. Con semplici consigli la gioia donata dalle piante può prosperare negli anni. 

Irrigazione adeguata 

Le piante da balcone vanno invasate e, pertanto, richiedono un’attenta cura e una quotidiana e bilanciata dose d’acqua. A tale scopo può essere utile un sistema di irrigazione automatizzato. 

Concimazione indispensabile 

È consigliata la concimazione settimanale con prodotti minerali solubili come i fertilizzanti liquidi (dall’inizio della fase vegetativa a fine agosto).

Garanzia di privacy

Le piante rampicanti occupano poco spazio e assicurano rapidamente una protezione dalla vista. Per le sempreverdi questo vale anche in inverno.

Dalla fioriera al piatto

Ortaggi ed erbe aromatiche crescono rigogliose su balconi e terrazze, ma attenzione, vanno invasate separatamente! Le piante mediterranee perenni (p.e. rosmarino, lavanda, timo, ecc.) richiedono substrati molto permeabili, mentre altre specie perenni (p.e. prezzemolo, erba cipollina, fragole, ecc.) necessitano di un substrato ricco di humus, esattamente come le piante annuali (p.e. carote, insalata, radicchio, ecc.).